Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/evak/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70

Battesimo speleo: Bus del Buter

vai al fotoalbum

Tutto inizia per caso una sera post arrampicata con Claus all’Angelone: ci raggiunge lo zio Punzo per una birretta, loro si mettono a parlare di speleo in modo entusiasta, io la butto lì e chiedo se una volta mi portano….
non pensavo che la richiesta potesse avere un seguito e invece poche settimane dopo arriva una mail di Claus per organizzare la cosa, fissiamo la data e arriva poi l’elenco delle cose da portare.
Con Andrea mettiamo insieme l’abbigliamento peggiore che abbiamo, il materiale necessario, poi per quello specifico i nostri mentori metteranno a disposizione il necessario.

Siamo un bel gruppetto di 6: Claus con la fidanzata Marlen, io e Andrea, Zio Punzo e Ovomaltina. Ci si cambia al parcheggio, i passanti ci guardano come esseri strani… ci incamminiamo e raggiungiamo in breve l’ingresso, dove Claus ci fa una prima lezione sull’uso della jumar e del croll.
Entriamo lasciandoci il mondo comune alle spalle, entrando in un fantastico mondo nascosto fatto di roccia, concrezioni e…. tanto fango!!
Una prima salita seguita da una discesa su corda, poi traversi, un’altra calata, e passaggi strani in cui strisciare come vermi. Dopo una mezz’ora siamo tutti infangati e l’allegria ci accompagna per tutto il tempo in cui rimaniamo giù. I nostri accompagnatori sono bravissimi nello spiegarci come progredire, come si usa il materiale, ci mostrano le concrezioni e come si attrezzano calate e salite. Noi rimaniamo a bocca aperta tante volte ad ammirare queste sculture naturali che creano ambienti bellissimi e inaccessibili all’occhio di tutti i giorni. Un fascino diverso da quello delle vette che vediamo così spesso, un fascino intimo e nascosto che va ricercato.

Raggiungiamo il fondo, una bella sala ampia dove stiamo tutti comodi: ecco che spegnamo tutti le frontali e rimaniamo un momento in silenzio al buio ascoltando il rumore dell’acqua.
Iniziamo a risalire, ora abbiamo preso un po’ di confidenza con gli attrezzi ed è meno faticoso, ed eccoci infine sbucare nel bosco, dove filtra un bel sole.
Sporchi e sorridenti torniamo al parcheggio dove ci cambiamo e buttiamo tutto quanto è sporco in sacconi della spazzatura (poi ci attende un bel lavoro a casa a sistemare tutto!!) e via a mangiare e brindare tutti insieme.

Grazie a Claus e Matteo che hanno avuto la voglia di accompagnarci in questo viaggio ipogeo, di attrezzare tutto quanto 2 giorni prima per rendere il tutto più rapido, e grazie a tutti per la compagnia!