Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/evak/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70

Cava Borgone, aderenza spietata!

Il meteo oggi è bello solo ad ovest, o a Finale… avrei voglia di entrambi, sia di granito che di buchetti! Amici vanno a Finale ma per orari diversi non ci riusciamo ad accordare, così dopo cena sfoglio la guida del Piemonte Occidentale che ho comprato prima di andare alla Rocca Sbarua… è Andrea a proporre questa piccola ma storica falesia in bassa Val di Susa, non dovrebbe essere troppo affollata, i gradi ci sono sia per lui che per me.
Arriviamo a Borgone, sembra un avamposto dimenticato, colazione in un bar dove alle 9 un gruppo di vecchietti beve il bianchino… in pochi minuti saliamo la strettissima strada che porta alla cava e in ben 2 minuti scarsi attraversiamo la pietraia e siamo alla base. Una cortina di alberi divide la stradina dalla falesia, dietro e a sinistra montagne innevate, davanti a noi una incredibile struttura rocciosa degna di posti ben più blasonati, placche, diedri e tetti ci sovrastano. Bello!!!

Iniziamo con un tiro facile a tastare questo gneiss granitoide compattissimo, capisco subito che oggi le braccia le potevo anche lasciare a casa! Un altro tiro che supera un tettino e un diedro, sembra di essere su qualche bella via in Valle… ok ora ci siamo, entrambi siamo entrati in sintonia con la roccia. Oggi scalo bene, con la testa assolutamente libera, sento solo il piacere di trovare il passaggio giusto, l’equilibrio migliore per salire, solo belle sensazioni. Provo un 6b+ ma mi risulta impossibile capire il passo chiave, 2-3 metri di placca assolutamente liscia, provo ovunque ma i piedi non ci stanno e le mani non hanno nulla su cui appoggiarsi… resto un po’ lì, e siccome voglio vedere come è sopra, passo “con un po’ di mestiere”. Non pretendo di fare questo grado a vista su un tipo di roccia dove non scalo mai, per oggi sono già contenta.
Scaliamo fino a che i piedi non dicono basta, dall’ultimo tiro scendo a piedi nudi, non ce la faccio più! Una risata e qualche scambio di battute con dei ragazzi che scalano e faticano su un tiro bellissimo, mi propongono diprovarlo, ma ho i piedi troppo cotti!
Per pigrizia non ho tirato neanche fuori la fotocamera, peccato perchè ne sarebbe valsa la pena. Metto solo il link ad una foto trovata su internet
la falesia di Borgone