Warning: Use of undefined constant is_single - assumed 'is_single' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /membri/evak/wp-content/plugins/facebook-like-button/inc/fun.inc.php on line 70

Magnaghi Tour: Sigaro (normale) TMM (Vitali Longoni) TMS (Lecco)

vai al fotoalbum

Un bel giro in Grigna con Andrea per colmare qualche lacuna e per tornare su una bella via che avevo voglia da un po’ di tempo di ripetere.
Si parte con la Normale al Sigaro, attaccandola per il primo tiro della Albertini dopo aver salito il canalone Porta (anche in ombra… ma che caldo!!). La bella roccia del Sigaro è anche sulla Normale, caratteristica spaccata, poi bella arrampicata sempre molto verticale ed esposta fino in vetta.
La lunga e celebre doppia dal Sigaro ci deposita a pochi metri dall’attacco della Vitali: ho voglia di confrontarmi con quanto fatto due anni fa… eccomi accontentata! Avevo salito faticosamente il primo tiro, ora mi sembra meno duro, le prese meno svase, bello e divertente come lo ricordavo il traverso ascendente fino alla sosta.
Secondo tiro, l’avevo fatto da seconda, ora tocca ancora a me. Faticoso strapiombino, poi in fessura fino in sosta, anche se vengo attratta dall’ultimo spit luccicante della Panzeri, e sosto sulla sosta della Panzeri. Va Andrea alla sosta sopra, quella corretta della Vitali. Poi si prosegue allegramente verso la vetta dove la scritta arancione Oransoda fa venire sete…. ci abbassiamo all’anellone di calata, percorriamo il mitico e untissimo Traversino (in arrampicata IV+, grado dell’unto molto simile a U….Cassinalmedale). In breve siamo in vetta al Torrione Centrale, scendiamo alla forcella e Andrea parte sulla Lecco.
Bellissima via piuttosto facile ma con roccia straordinaria… ancora ruvida nonostante le innumerevoli ripetizioni settimanali! Una classicissima della Grignetta che incredibilmente mi mancava. In questa bella giornata calda, ma accarezzati da una piacevole brezza ci gustiamo il panorama dal terzo torrione, scendiamo verso la cresta Sinigaglia, andiamo a prendere l’odiosa cresta Cermenati (ma quanto la odio!!!), con un bel sollievo quando si entra nel bellissimo bosco sottostante. Tanta gente ai Resinelli, ma pochissima in giro a scalare: a parte una cordata su Albertini + Lecco, siamo soli in parete, molto raro da queste parti.